Termine

Disciplina

Specie

Utenti
12417
Schede
513

Riproduzione della cavia

  • Disciplina: Biologia e gestione (ANIMALI ESOTICI)
  • Specie: Cavia

Le cavie sono riproduttori estremamente precoci e prolifici. I maschi iniziano a montare a un mese di età, anche se l’eiaculazione si verifica a due mesi; le femmine diventano sessualmente mature a 5-7 settimane di età. Comunque è opportuno accoppiare i maschi a un’età minima di 3-4 mesi e le femmine di 2-3 mesi.

La cavia è poliestrale ad ovulazione spontanea e il ciclo estrale dura 15-17 giorni; l’estro dura 6-11 ore. La gravidanza dura mediamente 68 giorni (59-72 di range, secondo il numero di piccoli). Al termine della gravidanza la cavia può arrivare a raddoppiare il proprio peso, e va maneggiata con estrema cautela. La cavia può presentare un estro 2-15 giorni dopo il parto, e se si accoppia ha il 60-80% di probabilità di restare gravida. Non è necessario isolare la cavia gravida dalle altre cavie del gruppo, ma se sono presenti piccoli di altre cavie questi possono succhiare il suo latte e quindi privarne i nuovi nati.

Verso la fine della gravidanza la sinfisi pubica, fibrocartilaginea, si separa progressivamente fino a 2,5 cm il giorno prima del parto (Fig. 1) Se una cavia viene accoppiata per la prima volta dopo i sette mesi di età può non riuscire a partorire, in quanto è avvenuta l’ossificazione della sinfisi pubica. In questo caso è necessario ricorrere al taglio cesareo.

Il parto dura circa 30 minuti e si verifica in genere di notte. Il numero medio di piccoli è tre (ma può andare da 1 a 6) (Fig. 2).

Maggiore è il numero di cuccioli, più questi sono piccoli; il loro peso varia da 45 a 115 g. Se sono troppo piccoli hanno poche possibilità di sopravvivenza; se sono troppo grossi possono causare problemi di distocia; il numero ideale è di tre feti. Dopo il parto la madre solitamente mangia le placente. I piccoli sono molto precoci; nascono coperti di pelo, con gli occhi aperti e camminano; iniziano a mangiare cibo solido entro pochi giorni. La prima poppata non si verifica prima di 12-24 ore. I piccoli si possono toccare senza pericolo già poche ore dopo la nascita, in quanto la madre non li rifiuterà. Questo aiuta anche a farli socializzare con le persone.

Come primo alimento si può lasciare a disposizione dei piccoli del pellet inumidito con acqua e carote grattugiate. La produzione di latte dura circa 18-30 giorni, e i piccoli si possono svezzare a 2-4 settimane.

CURA DEGLI ORFANI
Essendo tanto sviluppate alla nascita le piccole cavie orfane hanno possibilità di sopravvivenza migliori di altri roditori. Il cibo solido viene consumato già al secondo giorno di vita, e si sa che cavie rimaste orfane al terzo giorno sono sopravvissute senza nessun aiuto. Tuttavia le possibilità di sopravvivenza sono migliori se i piccoli ricevono del latte durante la prima settimana. Se è disponibile una cavia balia, è possibile che essa accetti facilmente piccoli non suoi. E’ in ogni caso utile tenere i piccoli con una cavia adulta perché imparino a mangiare copiando le sue abitudini.

Il latte di cavia contiene circa il 4% di grasso, l’8% di proteine e il 3% di lattosio. Come rimpiazzo si può utilizzare del latte di vacca o dei sostituti del latte per cuccioli. E’ opportuno somministrare tali sostanze solo per un breve periodo, perché le piccole cavie allevate con latte diverso da quello naturale tendono a sviluppare la cataratta. Il latte non deve essere forzato nella bocca della piccola cavia in quanto può causare una polmonite ab ingestis.


SCIVAC

Novità editoriali

Eventi

Sponsorizzato da Advantix e Seresto
0
Shares

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...

0
Shares